fuoricentroscampia.it
 
  in rete senza rete  
   
arte e cultura
tutti gli articoli "arte e cultura" »
ricerca in fuoricentro >>

2-06-2018
Mostra personale di Salvatore Tofano
Marted́ 5 giugno alle ore 19 - Bem Viver. Via Monti 5. Corsico (Milano)

 

Luogo: Bem Viver. Via Monti 5. Corsico (Milano)
Mostra: personale di Salvatore Tofano
Inaugurazione: Martedì 5 giugno alle ore 19 con letture.
Durata: sino a fine giugno 2018
Orari: da Mar a Gio 8.00 - 00.30 - Ven e Sab 8.00 - 1.30
Domenica 8.30- 12.30 e 15.30 - 20.00
Informazioni: a.protagiurleo@email.it
Un mese di giugno al Bem Viver all'insegna della vignetta.
Le opere grafiche esposte costituiscono una scelta delle opere di Salvatore Tofano, artista
napoletano, collaboratore di alcuni siti web e mensili cartacei e sostenitore del caffè letterario il
Centro Hurtado di Scampia.
Diversi suoi racconti e poesie sono apparsi su antologie della Giulio Perrone editore, di Homo
Scrivens editore e di letteraturahorror.it oltre che in alcuni ebooks scaricabili dal sito web
www.farwest.it
Nel 2010 con lo pseudonimo Stof ha pubblicato per i tipi di The Boopen editore Susetta Spinola di
Scampia. Oltre venti anni di satira in periferia. Susetta, il personaggio che più frequentemente
appare nelle vignette esposte, ci permette, attraverso il suo dire, di riflettere su temi individuali e
sociali importanti interpretati con un'ironia molto intelligente. Susetta ha una madre - sorella
simbolica in Mafalda, la bambina che interpreta il mondo creata da Quino. Susetta e Mafalda,
entrambe bambine di carta, destinate a non crescere, ci aiutano a porre attenzione a ciò che ci
circonda e a vederne l'anormalità anche quando questa ci appare abitudinariamente normale.
Bambine di carta che, come spesso fanno le bimbe e i bimbi di carne ed ossa, ci consentono di
percepire l'ingiustizia e provare indignazione.
Nel 2011 Salvatore Tofano ha pubblicato per la Marotta & Cafiero editori Scampia: la leggenda
della vela che non voleva morire e altre storie, con prefazione di Luca Bifulco. N. B. Il fantasma
della sepolta viva, protagonista della storia portante, è stato ampiamente citato da Marco Perillo in
uno dei più recenti libri sui misteri e segreti di Napoli della Newton Compton editori (novembre
2016)].
Nel 2014 il racconto Giustizia apache superata la preselezione su www.ilmiolibro.it, appare previo
regolare contratto su www.storiebrevi.it.
Nel 2015 quattro mini racconti (Una a una, Inquieto, Noir, Pregiudizi) vengono inseriti nel libro
"Nanoracconti, 250 racconti da 250 battute", a cura di Pietro Damiano, Homo Scrivens editore.Il
libro riceverà successivamente da Rai Radio 1 Plot Machine il premio Dolce Inganno.