fuoricentroscampia.it
 
  in rete senza rete  
   
LE RAGIONI di "FuoricentroScampia"
 
La democrazia è l'unica soluzione che abbiamo trovato al problema di coniugare tre aspirazioni opposte, ma altrettanto sentite, dell'uomo moderno: il desiderio di essere liberi, quello di essere tutti uguali e quello di una solidarietà tra noi e gli altri.

Giner Salvador, Le ragioni della democrazia, Roma, 1998


“Nel sistema globale della comunicazione, ha ancora un senso parlare di un centro dal quale si irradiano, verso le periferie del sistema, informazioni, dati, conoscenze?
E il sistema urbano contemporaneo può ancora essere considerato come un organismo nel quale un centro - cuore economico, sociale, di servizi – anima la periferia, cioè le detta regole, percorsi, senso?
Ed infine, nel sistema mentale del ventunesimo secolo, in cui le autostrade informatiche, le realtà virtuali, le comunicazioni multimediali hanno già configurato un nuovo paradigma antropologico e culturale in cui ogni individualità, dovunque si trovi fisicamente, può mettere in relazione con altri esperienze, immaginazioni, conoscenze, che senso ha definirsi e sentirsi periferia?

Da queste considerazioni nasce fuoricentroScampia: la peculiarità del mondo telematico, il nostro “nuovo mondo”, di fatto e in linea di principio non contempla periferie. Nessun centro, tutti fuoricentro. Un’occasione positiva, dunque, per le risorse, i desideri e i progetti di tanti che a Scampia vivono, studiano, lavorano, navigano in internet.
Eppure, una preoccupazione ci anima: la mancanza di un centro può risolversi in uno sgretolamento del tessuto sociale e di ogni progetto comune, sia esso politico, culturale o morale.
Abbiamo cercato di rendere l’ambivalenza (ricchezza/involuzione) del superamento del centro, con una immagine, prescelta per la ns. copertina: Metropolis di George Grosz (1916). Il dipinto, il suo autore, il contesto sociale e culturale dell’Europa della prima metà del Novecento, richiamano la nostra attenzione sul fatto che il venir meno del “centro” può essere un evento fecondo, un’occasione di sviluppo e di autonomia per gli individui se si accompagni all’avanzamento e allo sviluppo della Democrazia. Grosz, la sua epoca, la sua personale esperienza sono lì a ricordarci che gli sbocchi possibili sono due. Civiltà o barbarie.


Ernesto Mostardi
niscriviti alla mailing list >>


Metropolis . George Grosz (1916)